Discussione:
Finalmente nasce il PD
(troppo vecchio per rispondere)
edevils
2013-12-08 21:56:25 UTC
Permalink
Matteo Renzi e' il nuovo segretario del Pd 'Teorici inciucio oggi non
possono brindare'
Vola verso la vittoria, sfiora il 70%. Cuperlo: Unità è valore ma
chiarezza reciproca. Civati: Con questo gruppo dirigente possiamo
vincere. Quasi tre milioni hanno votato
www.ansa.it
Barone Barolo
2013-12-08 22:19:57 UTC
Permalink
Post by edevils
Matteo Renzi e' il nuovo segretario del Pd 'Teorici inciucio oggi non
possono brindare'
Vola verso la vittoria, sfiora il 70%. Cuperlo: Unità è valore ma
chiarezza reciproca. Civati: Con questo gruppo dirigente possiamo
vincere. Quasi tre milioni hanno votato
www.ansa.it
Bel comizio. Sarà che sono renziano.
Anzi ero: sono stato "sciolto" in diretta tv :-)

-- bb
edevils
2013-12-08 22:49:59 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Bel comizio. Sarà che sono renziano.
Anzi ero: sono stato "sciolto" in diretta tv :-)
Sì, gran bel discorso. Alcune frasi meriterebbe di essere riportate (se
trovo il testo o una sintesi). Ovviamente anch'io sono di parte, ma
credo che sia stato un discorso anche tecnicamente ben strutturato e
incisivo. Che sia un abile comunicatore lo ammettono anche gli avversari!

E i numeri di queste primarie chiariscono che c'è una gran parte dei
progressisti con Matteo, ormai. Ora la scommessa è non farsi logorare,
non farsi imbrigliare in trattative, eterni "tavoli", muri di gomma...
dimostrare che "cambiare verso" al centrosinistra e al Paese si può
davvero non solo ai gazebo. Mi pare che Renzi l'abbia ben presente. Dopo
il risultato di oggi sono un po' meno pessimista di ieri.
edevils
2013-12-09 08:24:26 UTC
Permalink
Il 08/12/2013 22.56, edevils ha scritto:
[...]
Post by edevils
Civati: Con questo gruppo dirigente possiamo
vincere. Quasi tre milioni hanno votato
www.ansa.it
Lo stesso Civati (che tra parentesi ha avuto risulati lusinghieri nelle
grandi città, a Milano sfiora il 25%) ha anche notato, lealmente:
"Questo è il vero momento di fondazione del partito democratico".

Il perché mi pare evidente: Veltroni aveva gettato le basi ma il
progetto aveva il limite di essere nato nei caminetti con D'Alema e
company, come se si potesse cambiare tutto senza cambiare i gruppi
dirigenti: un falso unanimismo con i coltelli pronti dietro la schiena,
di cui il neonato PD ha presto pagato il prezzo.

Il progetto sembrava ormai perso per strada, tra gli opportunismi di
Franceschini e i tatticismi di Bersani, ma è stata la realtà drammatica
dell'Italia a riportare d'attualità il progetto di un nuovo partito del
centrosinistra adeguato alle sfide dell'oggi, al di fuori degli schemini
e delle astuzie.

Stavolta Baffino, con quel che rappresenta, voleva salvarsi tenendosi il
partito e lasciando a Matteo Renzi il ruolo di utile raccatta-voti per
la premiership, volto per i manifesti elettorali, ma poi nella stanza
dei bottoni sarebbero rimasti i soliti.
La "schiacciante sconfitta" di Cuperlo, prima ancora della vittoria di
Renzi, ha respinto al mittente il gioco di prestigio.

Continua a leggere su narkive:
Loading...