Discussione:
Le "ridicole panzane" divulgate dal Fatto
(troppo vecchio per rispondere)
edevils
2013-10-22 18:12:59 UTC
Permalink
http://www.ilfoglio.it/soloqui/20301
"Solo "il Fatto Quotidiano" crede alle ridicole panzane come quella del
"patto tradito" dal Presidente Napolitano. La posizione del Presidente
della Repubblica in materia di provvedimenti di clemenza è stata a suo
tempo espressa con la massima chiarezza e precisione nella dichiarazione
del 13 agosto scorso". E' quanto ha sottolineato, con una nota,
l'Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica.

Nella nota, Napolitano fa riferimento a un articolo apparso oggi sul
Fatto Quotidiano intitolato "Berlusconi, i falchi Pdl contro Napolitano:
“Promise la grazia per il caso Mediaset”. Nell'articolo si riportano
retroscena e confidenze dei falchi vicini all'ex premier Silvio
Berlusconi che proprio di "patto tradito" parlano riferendosi a una
ipotetica promessa di grazia "motu proprio" fatta dal presidente della
Repubblica in seguito alla condanna inflitta al Cav. sul processo
Mediaset riguardante i diritti tv.
Barone Barolo
2013-10-25 04:13:24 UTC
Permalink
Inqualificabile. Mi chiedo che cosa distingua il Fatto da foglia di tipo il giornale, ormai. A parte la collocazione politica, s'intende.

-- bb
edevils
2013-10-25 08:38:36 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Inqualificabile. Mi chiedo che cosa distingua il Fatto da foglia di tipo il giornale, ormai. A parte la collocazione politica, s'intende.
Che poi, sentendo la Santanché parlare in tivù, lei dice che considera
Napolitano un traditore delle ASPETTATIVE (pacificazione, bla bla
bla...) del PDL. Ma una cosa sono le ASPETTATIVE che ognuno è libero di
"aspettarsi", altra cosa sono i presunti "patti" su cui ha invece
titolato il Fatto, prendendo per buona una tesi che neppure la stessa
Santanché sostiene fino in fondo, visto che poi parla di ASPETTATIVE.
Se qualcuno (Santanché, Bondi, Padellaro, Travaglio...) aveva nella sua
testolina delle ASPETTATIVE che la maggioranza di larghe intese servisse
a garantire fantomatici salvacondotti giudiziari a Silvio Berlusconi,
ora che le sue ASPETTATIVE sono state smentite clamorosamente dai
fatti, non può far altro che inventarsi un presunto "tradimento"!
Ridicole panzane.

Dopodiché, aggiungo a futura memoria, non mi scandalizzerei troppo se
il presidente della repubblica un domani (non ora) concedesse la grazia
a Berlusconi. Rientra nei poteri presidenziali previsti dall'art.87
della Costituzione, piaccia o non piaccia.
http://www.quirinale.it/qrnw/statico/attivita/grazia/grazia.htm
Non mi scandalizzerei perché, per quanto B. possa averne combinate di
cotte e di crude, penso che si debba cercare di evitare persino
l'impressione, fondata o meno che sia, di "accanimento per motivi
politici" su chi rappresenta in ogni caso milioni di elettori.

Ma secondo me la grazia sarebbe un atto da contemplare solo a precise
condizioni, ad esempio che il condannato abbia già scontato parte
significativa della pena, affinché l'eventuale gesto di clemenza non
possa essere frainteso come garanzia di impunità e come oggetto di
scambio politico.

Continua a leggere su narkive:
Loading...