Discussione:
Domanda ai piddini
(troppo vecchio per rispondere)
tonto
2013-11-05 18:19:46 UTC
Permalink
Ma la leadership che uscirà da queste primarie autunnali resisterà fino alle
politiche del 2017?







--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
Barone Barolo
2013-11-05 18:46:00 UTC
Permalink
Post by tonto
Ma la leadership che uscirà da queste primarie autunnali resisterà fino alle
politiche del 2017?
Elezioni politiche del 2017? Sei un inguaribile ottimista.

-- bb
tonto
2013-11-05 18:53:10 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Elezioni politiche del 2017? Sei un inguaribile ottimista.
Perchè, potrebbero posticiparle?



--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
Barone Barolo
2013-11-06 18:53:27 UTC
Permalink
Post by tonto
Post by Barone Barolo
Elezioni politiche del 2017? Sei un inguaribile ottimista.
Perchè, potrebbero posticiparle?
2013 + 5 fa 2018, quindi sì. Ma potrebbero anche anticiparle.

E potrebbe capitare anche qualunque altra cosa: è difficile dire cosa
succederà da qui a un anno, e tu pensi già al 2017?

-- bb
edevils
2013-11-06 19:05:03 UTC
Permalink
Il 06/11/2013 19.53, Barone Barolo ha scritto:
...
Post by Barone Barolo
E potrebbe capitare anche qualunque altra cosa: è difficile dire cosa
succederà da qui a un anno, e tu pensi già al 2017?
Beh, anche se fossero "solo" due d'anni, la domanda è buona: resisterà
o sarà logorato?
Barone Barolo
2013-11-06 19:12:42 UTC
Permalink
Post by edevils
Beh, anche se fossero "solo" due d'anni, la domanda è buona: resisterà
o sarà logorato?
Pur augurandomi il meglio per Renzi, ci sono cose che mi preoccupano di
più del suo destino...

-- bb
edevils
2013-11-06 20:34:06 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Post by edevils
Beh, anche se fossero "solo" due d'anni, la domanda è buona: resisterà
o sarà logorato?
Pur augurandomi il meglio per Renzi, ci sono cose che mi preoccupano di
più del suo destino...
Del suo destino personale non credo interessi a nessuno, se non a
moglie, mamma, amici stretti.
Ovviamente qui interessa la sua funzione politica.
Renzi mi sembra l'unico in questo momento a poter dare una svolta
positiva alla politica italiana, visto che Letta fa il pesce in barile
e più che governare... galleggia.
Se però R. resterà in ammollo in un loft romano per anni, chissà...
edevils
2013-11-07 10:35:53 UTC
Permalink
Il 06/11/2013 21.34, edevils ha scritto:
[...]
Post by edevils
Renzi mi sembra l'unico in questo momento a poter dare una svolta
positiva alla politica italiana, visto che Letta fa il pesce in barile
e più che governare... galleggia.
Se però R. resterà in ammollo in un loft romano per anni, chissà...
Insomma, la vedo in salita se va troppo per le lunghe con Renzi
segretario PD che predica doppio malto e Letta, premier dello stesso
partito, che razzola acqua fresca.
tonto
2013-11-07 16:41:40 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
2013 + 5 fa 2018, quindi sì. Ma potrebbero anche anticiparle.
Le elezioni sono state nel 2013? Mi sembra una vita fa...
Post by Barone Barolo
E potrebbe capitare anche qualunque altra cosa: è difficile dire cosa
succederà da qui a un anno, e tu pensi già al 2017?
Non so cosa succederà ma mi sembra molto improbabile che il governo cada
anticipatamente: perchè dovrebbe?
Politica non ne fa perchè, essendo ambidestro, non può farne alcuna.
Le nuove leve scalpitano ma difficilmente potrebbero ottenere un buon
risultato alle elezioni.
La decadenza di Berlusconi produce molte chiacchiere ma cambia poco.
La crisi dura da cinque anni senza aver prodotto grandi scosse.
Su cosa può arenarsi un governo del genere?
Ha un solo problema: che nel 2018 scadrà l'arrocco e per allora dovrà
trovare una legge elettorale più blindata del porcellum oppure un escamotage
per saltare le elezioni.



--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
edevils
2013-11-07 17:12:50 UTC
Permalink
Il 07/11/2013 17.41, tonto ha scritto:
...
Post by tonto
Non so cosa succederà ma mi sembra molto improbabile che il governo cada
anticipatamente: perchè dovrebbe?
Peraltro, stanno attenti a NON varare una nuova legge elettorale, perché
poi a quel punto ci sarebbe la tentazione di usarla ;)
Post by tonto
Politica non ne fa perchè, essendo ambidestro, non può farne alcuna.
Più che ambidestro, monco! Tra rinvii e acquefresche, combina ben poco.
Post by tonto
Le nuove leve scalpitano ma difficilmente potrebbero ottenere un buon
risultato alle elezioni.
Già, Alfano non lo vota nemmeno sua mamma.
Post by tonto
La decadenza di Berlusconi produce molte chiacchiere ma cambia poco.
Vero.
Post by tonto
La crisi dura da cinque anni senza aver prodotto grandi scosse.
Su cosa può arenarsi un governo del genere?
Dipende dalle carte "Probabilità" e "Imprevisti", come al Monopoli.
A Prodi lo mandò giù un'inchiesta giudiziaria su un ministro e consorte.
Berlusconi dovette lasciare la mano per via della febbre da spread.
Monti si dimise dopo che il PDL abbandonò la maggioranza.
Post by tonto
Ha un solo problema: che nel 2018 scadrà l'arrocco e per allora dovrà
trovare una legge elettorale più blindata del porcellum oppure un escamotage
per saltare le elezioni.
Non so se arriverà a quella data, ma certo per Renzi sarà dura andare
avanti per tanto tempo essendo al tempo stesso leale a Letta (e con lui
a Fassina, Lupi, Alfano...) ma indicando il possibile "cambiamento
radicale".
edevils
2013-11-16 09:13:44 UTC
Permalink
Post by edevils
A Prodi lo mandò giù un'inchiesta giudiziaria su un ministro e consorte.
Oltre a una paccata di milioncini.
Tante cose contribuirono, ma non fu De Gregorio la causa scatenante
della caduta di Prodi il 24 gennaio 2008. De Gregorio, che peraltro
aveva una sua storia personale vicina a Forza Italia sin dal 1994, era
già "tornato all'ovile" di centrodestra da alcuni mesi.

"Nel settembre 2007 il senatore De Gregorio rientra ufficialmente nello
schieramento di centro destra, siglando un patto federativo tra il suo
movimento e Forza Italia..."
http://it.wikipedia.org/wiki/Sergio_De_Gregorio
Post by edevils
Berlusconi dovette lasciare la mano per via della febbre da spread.
Più che altro perché gli stava evaporando mediaset.
Mettila come ti pare, è stato il punto più basso della sua popolarità
(fino a ora, vedremo in futuro).
Post by edevils
Monti si dimise dopo che il PDL abbandonò la maggioranza.
Pensando di cogliere l'occasione per cavalcare la tigre elettorale.
E ora forse vedremo il bis con Forza Italia, con B. che cavalca il
"niente IMU", l'anti-eurismo, ecc., mentre Alfano resta a fare il
"corazziere" di un governo omeopatico e in calo di consensi.
edevils
2013-11-05 20:15:20 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Post by tonto
Ma la leadership che uscirà da queste primarie autunnali resisterà fino alle
politiche del 2017?
Elezioni politiche del 2017? Sei un inguaribile ottimista.
In ogni caso non subito, pare. Per questo Matteo fa bene a voler fare
anche il sindaco, cioè un ruolo realizzativo, nel frattempo.
tonto
2013-11-19 06:49:15 UTC
Permalink
Post by tonto
Ma la leadership che uscirà da queste primarie autunnali resisterà fino
alle politiche del 2017?
Il dubbio non è più solo mio: ora ne parla anche "giornalettismo"...

http://www.giornalettismo.com/archives/1220495/se-angelino-alfano-puo-inguaiare-matteo-renzi/
All'inizio la sua strada sembrava spianata. Il consenso personale in vista
delle primarie di partito appariva quasi plebiscitario. Il rischio della
decadenza di Silvio Berlusconi lasciava presagire la frantumazione del
centrodestra, la coalizione avversaria. Il governo di larghe intese,
traballante ad ogni scontro dei partiti, restava quotidianamente appeso a un
filo, pronto a cedere il passo ad una rapida riforma elettorale e, subito
dopo, alle elezioni anticipate. Le stesse elezioni che avrebbero coronato
proprio il nuovo segretario Pd come candidato del centrosinistra alla
presenza del Consiglio.

LA PACIFICAZIONE DI BERLUSCONI - Poi qualcosa è cambiato, nel cammino di
Matteo Renzi. La crescente sfiducia di una parte dei Democratici nei suoi
confronti, lo sdoppiamento del Pdl in alfaniani e berlusconiani e, infine,
le nuove promesse di fedeltà al governo, sembrano aver rotto l'incatesimo
del sindaco capace di raggiungere in breve tempo tutti i suoi ambiziosi
obiettivi. A trasfromare la strada da spianata in salita ci ha pensato
soprattutto la nascita del Nuovo Centrodestra, una formazione, che, come tra
l'altro ha evidenziato lo stesso Renzi nel corso dell'intervista rilasciata
ieri a Fabio Fazio, finisce per completare l'offerta politica del Pdl. Se la
Lega Nord e Fratelli d'Italia si pongono oggi in una posizione di netta
opposizione al governo Letta, i gruppi di Alfano garantiranno lunga vita all'esecutivo,
mentre Berlusconi, che aveva provato a staccare la spina a Palazzo Chigi,
ripiega verso più miti posizioni.

I NUOVI VOTI DI ALFANO - Ce n'è per tutti i gusti, insomma. E si tratta di
una condizione per il centrodestra assai favorevole, soprattutto sotto il
profilo dei voti da conquistare alle urne, ai quali Renzi si mostra sempre
molto attento. Il sindaco di Firenze ripete da mesi, ma anche anni, di voler
costruire un «partito in grado di vincere» indicando spesso come presupposto
per la vittoria «stanare» gli elettori del Cavaliere. L'obiettivo renziano è
oggi più complicato da raggiungere, soprattutto se si considera che il Nuovo
Centrodestra raccoglie le colombe ed evita che sia il radicalismo dei falchi
a dettare l'agenda dell'intera coalizione. I numeri confermano. I sondaggi
sul consenso ai partiti effettuati delle ultime settimane, da quando cioè è
emersa la frattura dei parlamentari alfaniani, hanno sottolineato che la
corsa separata di Forza Italia e di un nuovo partito moderato consentirebbe
all'ex Pdl di allargare la sua fetta di mercato elettorale e di conquistare
quindi qualche punto percentuale in più di preferenze alle urne.

I NUOVI VOTI DEL CENTRODESTRA - E' una vecchia storia, in realtà. Quando si
contano i voti, si sa, due più due nella maggior parte dei casi non fa
quattro: se i partiti si uniscono può capitare che i voti raccolti saranno
inferiori ai vecchi, e quando i partiti si dividono, al contrario, le nuove
formazioni possono raccogliere più consensi del vecchio simbolo. Nel caso
odierno del centrodestra parla chiaro la previsione di Ipr Marketing diffusa
nel corso della trasmissione Servizio Pubblico il 3 ottobre scorso e che ha
indicato un eventuale Pdl moderato al 10% delle preferenze potenziali e la
nascente Forza Italia ferma invece al 17%. Il totale delle due liste fa 27
punti percentuali, ovvero due punti in più di quanto lo stesso autore
attribuiva in quei giorni all'intero partito del Cavaliere, e circa 3 punti
in più della media del consenso stimato, sempre nello stesso periodo, dai
principali istituti di ricerca. Una conferma della possibilità di
allargamento del consenso è infine arrivata dall'istituto Ferrari Nasi, che,
con una rilevazione effettuata il 13 e 14 novembre, ha segnalato Forza
Italia al 18% e Pdl alfaniano al 10%.

IL LOGORAMENTO DELLA SEGRETERIA PD - Cifre che pesano, anche prima della
campagna elettorale, in un periodo di stasi. La cifra delle colombe del
centrodestra, dicevamo, significa anche lunga vita al governo Letta. E lunga
vita al governo Letta può significare con buona probabilità lunga vita anche
per la segreteria di Renzi, che può rischiare quindi il logoramento legato
alla tenuta di un partito in continua fibrillazione. Se da una parte i
numeri del consenso, in attesa di una legge elettorale decente, non
garantiscono a Renzi una vittoria chiara sul centrodestra, dall'altra il
sindaco di Firenze potrebbe ritrovarsi a guidare da dicembre e per troppo
tempo un Pd eccessivamente sofferente per il sostegno a quelle larghe intese
che non hanno mai pienamente soddisfatto la base.

SUL SINDACO L'OMBRA DI LETTA - Questo è uno scenario che certamente ai
renziani non lascia dormire sonni tranquilli. Innanzitutto perché i più noti
avversari interni continuano a non risparmiare le accuse all'aspirante
segretario (Massimo D'Alema oggi ad Agorà ha definito Renzi «superficiale»),
e i primi congressi del partito descrivono non un plebiscito, ma un testa a
testa con lo sfidante Gianni Cuperlo (sconfitto per pochi punti). In secondo
luogo perché incombe Enrico Letta. L'esperienza a Palazzo Chigi, che lo
stesso premier (ma anche Alfano e ministri Pdl) vorrebbero allungare almeno
fino alla primavera del 2015, può certamente compromettere la popolarità
dell'attuale premier, ma potrebbe anche rafforzarla nel caso dati economici
confortanti segnerebbero la fine della recessione economica e la defintiva
uscita quindi dal tunnel della crisi. In questo caso l'autorevole Letta,
reduce tra un anno e mezzo dal semestre di presidenza dell'Unione Europea,
potrebbe essere di diritto proposto come nuovo candidato alla guida del
Paese.

(Fonte foto: LaPresse)



--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
edevils
2013-11-19 07:17:00 UTC
Permalink
Post by tonto
Post by tonto
Ma la leadership che uscirà da queste primarie autunnali resisterà fino
alle politiche del 2017?
Il dubbio non è più solo mio: ora ne parla anche "giornalettismo"...
[...]

Il dubbio è abbastanza ovvio. Renzi rischia di rimanere al palo troppo a
lungo e alla fine pagare il conto del governo Letta, mentre Berlusconi
(forse) e Grillo (sicuramente) all'opposizione avranno mano libera per
raccogliere voti con le posizioni più populiste. Chi vivrà, vedrà.


[...]
Post by tonto
e i primi congressi del partito descrivono non un plebiscito, ma un testa a
testa con lo sfidante Gianni Cuperlo (sconfitto per pochi punti).
Sveglia! Renzi ha già vinto tra gli iscritti, che erano il banco di
prova più difficile. Ha vinto ma non stravinto, ma questo era
ampiamente prevedibile. Da notare anche il 9 percento a Civati,
nonostante tutta la visibilità che ha avuto finora.


"Il sindaco di Firenze ha ottenuto il 46,7% contro il 38,4% di Cuperlo
(che «tiene» a Roma e in Emilia).Civati al 9,19. Pittella al 6%"

http://www.corriere.it/politica/13_novembre_18/pd-renzi-cuperlo-voto-circoli-f66e352e-5052-11e3-b334-d2851a3631e3.shtml
Barone Barolo
2013-11-19 12:35:59 UTC
Permalink
Post by edevils
Il dubbio è abbastanza ovvio. Renzi rischia di rimanere al palo troppo a
lungo e alla fine pagare il conto del governo Letta, mentre Berlusconi
(forse) e Grillo (sicuramente) all'opposizione avranno mano libera
La vita è piena di rischi, ma io ho più paura del fuoco amico.
Post by edevils
Sveglia! Renzi ha già vinto tra gli iscritti, che erano il banco di
prova più difficile. Ha vinto ma non stravinto, ma questo era
ampiamente prevedibile.
Infatti per dire se Renzi ha vinto bene o no bisogna aspettare le primarie. Diciamo che è a metà dell'opera.
Post by edevils
Da notare anche il 9 percento a Civati,
nonostante tutta la visibilità che ha avuto finora.
Non ho particolare interesse a dirlo (anche se la sua campagna mi ha fatto parecchio incazzare), ma in effetti il vero sconfitto di questo giro è lui. Anche se probabilmente alle primarie farà un po' meglio.

-- bb
tonto
2013-11-19 16:50:39 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
La vita è piena di rischi, ma io ho più paura del fuoco amico.
Se calcoli che questa legislatura inaugurerà e chiuderà l'expo puoi già
immaginarti Renzi alle prese con una tangentopoli 2.0 mentre i suoi
avversari (o amici?) lo salutano dalle Kayman...
Post by Barone Barolo
Infatti per dire se Renzi ha vinto bene o no bisogna aspettare le
primarie. Diciamo che è a metà dell'opera.
Poi un giorno dovrà vincere le elezioni ma per quello ha una vita davanti...
Post by Barone Barolo
Non ho particolare interesse a dirlo (anche se la sua campagna mi ha fatto
parecchio incazzare), ma in effetti il vero sconfitto di questo giro è
lui. Anche se probabilmente alle primarie farà un po' meglio.
Ma Civati a che area può essere riferito?



--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
Barone Barolo
2013-11-19 17:38:57 UTC
Permalink
Post by tonto
Ma Civati a che area può essere riferito?
A nessuna. La sua area se la creerà come effetto di questo congresso.

Nasce come rottamatore, come lo stesso Renzi (o la Serracchiani), e
potremmo dire che lui era quello "di sinistra", ma a mio avviso si
tratta di un'esagerazione. Fino a prima di questo congresso, Civati l'ho
sempre visto come iconoclasta ma a sinistra né più né meno quanto il
resto del PD.

Poi in seguito ai ben noti eventi dello scorso anno e in previsione del
congresso che si sta svolgendo, si è riposizionato come voce
sinistro-grillina, facendosi tra l'altro venire idee luminose quali la
proposta di fondere il PD con SEL.

Io il suo consigliere economico Filippo Taddei l'ho conosciuto, e posso
dire che lo trovo più affine a Renzi che a Bersani, per non parlare di
Vendola.

In soldoni, mi sembra un socialdemocratico moderno (e ne abbiamo bisogno
come il pane) che però, nell'ansia del congresso, ha sbagliato _tutto_.

-- bb
edevils
2013-11-19 21:18:09 UTC
Permalink
Il 19/11/2013 18.38, Barone Barolo ha scritto:
...
Post by Barone Barolo
Io il suo consigliere economico Filippo Taddei l'ho conosciuto, e posso
dire che lo trovo più affine a Renzi che a Bersani, per non parlare di
Vendola.
http://www.civati.it/filippo-taddei-intervista-civati/
tonto
2013-11-20 21:12:00 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
A nessuna. La sua area se la creerà come effetto di questo congresso.
Meno male: 13 correnti portano sfiga come il passaggio di una cometa.
Post by Barone Barolo
Nasce come rottamatore, come lo stesso Renzi (o la Serracchiani), e
potremmo dire che lui era quello "di sinistra", ma a mio avviso si tratta
di un'esagerazione. Fino a prima di questo congresso, Civati l'ho sempre
visto come iconoclasta ma a sinistra né più né meno quanto il resto del
PD.
Ne ho scoperto l'esistenza all'indomani della rielezione di Napolitano ed
era schifato come me...
Post by Barone Barolo
Poi in seguito ai ben noti eventi dello scorso anno e in previsione del
congresso che si sta svolgendo, si è riposizionato come voce
sinistro-grillina,
"Sinistro-grillina" suona un po' come fasciocomunista, intermilanista o
femminilmachista!
La cosa curiosa è che la sinistra storica ha più difficoltà di questa gente
a relazionarsi coi movimenti di quanta ne abbiano i burattini di
Mangiafuoco.
Post by Barone Barolo
facendosi tra l'altro venire idee luminose quali la proposta di fondere il
PD con SEL.
Chissà com'era contento Vendola...
Post by Barone Barolo
Io il suo consigliere economico Filippo Taddei l'ho conosciuto, e posso
dire che lo trovo più affine a Renzi che a Bersani, per non parlare di
Vendola.
Mah, io trovo più tematiche comuni tra Renzi e Vendola che tra Bersani e
Vendola.
Le posizioni di Civati e Renzi, poi, mi sembrano abbastanza sovrapponibili.
Mi sarei aspettato una gara a chi si discostava di più dalla storia recente
del PD invece mi sembrano entrambi piuttosto frenati.
Forse per non spaventare troppo il partito?
Post by Barone Barolo
In soldoni, mi sembra un socialdemocratico moderno (e ne abbiamo bisogno
come il pane) che però, nell'ansia del congresso, ha sbagliato _tutto_.
Tutto cosa?



--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
edevils
2013-11-20 21:52:15 UTC
Permalink
Il 20/11/2013 22.12, tonto ha scritto:
...
Post by tonto
Post by Barone Barolo
facendosi tra l'altro venire idee luminose quali la proposta di fondere il
Post by Barone Barolo
PD con SEL.
Chissà com'era contento Vendola...
Ora con larghe intese ovviamente Vendola non sarebbe contento di
fondersi nel PD, ma qualche mese fa...

“...Noi eravamo pronti a sciogliere i nostri gruppi parlamentari se
fossimo diventati insieme una nuova classe di governo..."

http://www.termometropolitico.it/77298_vendola-letta-monti-opera-scelte-destra.html
Barone Barolo
2013-11-20 21:49:46 UTC
Permalink
Post by tonto
Le posizioni di Civati e Renzi, poi, mi sembrano abbastanza sovrapponibili.
Mi sarei aspettato una gara a chi si discostava di più dalla storia recente
del PD invece mi sembrano entrambi piuttosto frenati.
Forse per non spaventare troppo il partito?
Se ti riferisci a ieri, obiettivamente potevano fare poco.
Ma Letta si è dovuto esporre in prima persona: così facendo rischia.
Post by tonto
Post by Barone Barolo
In soldoni, mi sembra un socialdemocratico moderno (e ne abbiamo bisogno
come il pane) che però, nell'ansia del congresso, ha sbagliato _tutto_.
Tutto cosa?
Tutta la campagna congressuale.

-- bb
tonto
2013-11-21 20:37:30 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Tutta la campagna congressuale.
Nel senso che doveva entrare nella squadra di Renzi?

Secondo me c'è molto spazio nell'area di dissenso del PD sopratutto con un
governo oggi ancora più piddino nei numeri ma pidiellino nei programmi.
Letta ed il PD ci mettono la faccia ma poi a gestire una piazza come quella
di ieri c'è il ministro di un partito fantasma e guarda un po' dove va a
finire!
Questo mentre si annuncia che l'IMU sarà pagata dalle privatizzazioni e
dalla vendita di immobili dello stato.

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il Consiglio dei ministri è convocato domani alle
ore 10.00 a Palazzo Chigi per l'esame del seguente ordine del giorno:
Decreto legge contenente Disposizioni urgenti in materia di IMU, finanza
pubblica, nonché in materia di alienazione di immobili pubblici.

Secondo me Civati e Renzi faticheranno a prendere sufficientemente le
distanze da questo governo e Letta resterà nel cuore degli italiani quanto
Mario Monti!



--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
Barone Barolo
2013-11-21 20:57:45 UTC
Permalink
Post by tonto
Post by Barone Barolo
Tutta la campagna congressuale.
Nel senso che doveva entrare nella squadra di Renzi?
Quello è l'errore di 3 anni fa, caso mai.
No, nel senso che durante il congresso si è comportato in modo irritante
(#lodissi).
Post by tonto
Secondo me Civati e Renzi faticheranno a prendere sufficientemente le
distanze da questo governo e Letta resterà nel cuore degli italiani quanto
Mario Monti!
Molto meglio Mario Monti.
Comunque, come pensavo, qualcuno si è accorto che benché Enrico Letta
dia ordini al PD, il PD è ancora in fase congressuale: il momento
migliore per darsi degli ordini da solo:

Loading Image...

-- bb
edevils
2013-11-21 21:37:08 UTC
Permalink
[...]
Post by Barone Barolo
Post by tonto
Secondo me Civati e Renzi faticheranno a prendere sufficientemente le
distanze da questo governo e Letta resterà nel cuore degli italiani quanto
Mario Monti!
Molto meglio Mario Monti.
Comunque, come pensavo, qualcuno si è accorto che benché Enrico Letta
dia ordini al PD, il PD è ancora in fase congressuale: il momento
https://scontent-b-cdg.xx.fbcdn.net/hphotos-ash3/1455095_438077086292183_345429169_n.jpg
Beh, scusa, ma quello che dice Bettini mi conferma che la distanza tra
chiacchiere e realtà resta incolmabile. Il PD ha appena votato per
confermare la Cancellieri (facendo fare a Matteo la figura di chi parla
parla ma poi deve adeguarsi alla ragion di Stato) e la consultazione tra
gli iscritti sulle larghe intese vagheggiata da Bettini ovviamente non
ci sarà mai.

Comunque, vedremo dal 9 dicembre...
Barone Barolo
2013-11-21 23:47:56 UTC
Permalink
Post by edevils
Beh, scusa, ma quello che dice Bettini mi conferma che la distanza tra
chiacchiere e realtà resta incolmabile. Il PD ha appena votato per
confermare la Cancellieri (facendo fare a Matteo la figura di chi parla
parla ma poi deve adeguarsi alla ragion di Stato) e la consultazione tra
gli iscritti sulle larghe intese vagheggiata da Bettini ovviamente non
ci sarà mai.
La consultazione che conta è già in programma ed è l'8 dicembre. Matteo
Renzi ha già fatto sapere che la lealtà che ha dimostrato è la stessa
che si aspetta dal resto del partito all'indomani dalle primarie.

Non credo ci sia bisogno di spiegare che non è possibile mantenere
l'attenzione alta su un certo argomento per 20 giorni: questa è la
quiete prima che i toni si alzino ancora una volta.

-- bb
edevils
2013-11-22 09:05:10 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
La consultazione che conta è già in programma ed è l'8 dicembre. Matteo
Renzi ha già fatto sapere che la lealtà che ha dimostrato è la stessa
che si aspetta dal resto del partito all'indomani dalle primarie.
D'altra parte, D'Alema ha già fatto capire che di lealtà non se ne
parla, e Letta ha fatto sapere che per lui la lealtà al governo
-addirittura a ogni singolo ministro anche di altri partiti- viene prima
della lealtà al PD.
Post by Barone Barolo
Non credo ci sia bisogno di spiegare che non è possibile mantenere
l'attenzione alta su un certo argomento per 20 giorni: questa è la
quiete prima che i toni si alzino ancora una volta.
Il problema è che Renzi non si può permettere di passare per quello che
fa cadere un governo a guida PD, per quanto sia.
Barone Barolo
2013-11-22 17:40:27 UTC
Permalink
Post by edevils
D'altra parte, D'Alema ha già fatto capire che di lealtà non se ne
parla, e Letta ha fatto sapere che per lui la lealtà al governo
-addirittura a ogni singolo ministro anche di altri partiti- viene prima
della lealtà al PD.
E' per questo che mi auguro il tema esca allo scoperto prima dell'8
dicembre... ma non troppo presto :-)
Post by edevils
Post by Barone Barolo
Non credo ci sia bisogno di spiegare che non è possibile mantenere
l'attenzione alta su un certo argomento per 20 giorni: questa è la
quiete prima che i toni si alzino ancora una volta.
Il problema è che Renzi non si può permettere di passare per quello che
fa cadere un governo a guida PD, per quanto sia.
Bisogna avere l'abilità di porre la questione nel modo opposto, che è
poi quello corretto: Enrico Letta non può permettersi di far passare le
questioni personali di un ministro per una questione di vita o di morte
del governo.

E' chiaro poi che (formalmente) il PD e i suoi antecedenti non hanno
fatto cadere un governo dal 1996 a oggi, e non prevedo che la situazione
cambi.

-- bb
edevils
2013-11-23 10:09:24 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Post by edevils
D'altra parte, D'Alema ha già fatto capire che di lealtà non se ne
parla, e Letta ha fatto sapere che per lui la lealtà al governo
-addirittura a ogni singolo ministro anche di altri partiti- viene prima
della lealtà al PD.
E' per questo che mi auguro il tema esca allo scoperto prima dell'8
dicembre... ma non troppo presto :-)
Il tema è già allo scopertissimo e rischia di allontanare la gente dal
voto l'8 dicembre, perché se il segretario PD conta come due di coppe
che lo votiamo a fare?

Pd, Renzi: «Non sarò un segretario azzoppato».

Il rottamatore fa pressing su Letta: «Dal 9 dicembre si fa come dico
io». [...]

Matteo Renzi è tornato a lanciare il 'warning' sul governo Letta e ha
avvertito chi ha in animo di delegittimare la sua possibile vittoria
alle primarie. [...]

http://www.lettera43.it/politica/pd-renzi-non-saro-un-segretario-azzoppato_43675114259.htm
Post by Barone Barolo
Post by edevils
Post by Barone Barolo
Non credo ci sia bisogno di spiegare che non è possibile mantenere
l'attenzione alta su un certo argomento per 20 giorni: questa è la
quiete prima che i toni si alzino ancora una volta.
Il problema è che Renzi non si può permettere di passare per quello che
fa cadere un governo a guida PD, per quanto sia.
Bisogna avere l'abilità di porre la questione nel modo opposto, che è
poi quello corretto: Enrico Letta non può permettersi di far passare le
questioni personali di un ministro per una questione di vita o di morte
del governo.
Concordo con te che Letta non dovrebbe permettersi, peraltro indebolisce
il governo che ora sarà meno credibile sui temi della giustizia perché
non si parla più di carceri e giustizia ma delle storie personali della
Cancellieri e dei Ligresti, ma di fatto Letta si è già permesso di far
passare la sfiducia a un ministro come sfiducia all'intero governo, e i
piddini hanno dovuto piegare la testa nonostante il parere contrario di
tutti i candidati a segretario, quindi nonostante il parere contrario
del prossimo segretario.
Post by Barone Barolo
E' chiaro poi che (formalmente) il PD e i suoi antecedenti non hanno
fatto cadere un governo dal 1996 a oggi, e non prevedo che la situazione
cambi.
Dunque non credi alla teoria che punta il dito su D'Alema per la caduta
del Prodi I.

Marini: cosi' io e D' Alema facemmo cadere Prodi
http://archiviostorico.corriere.it/2001/maggio/29/Marini_cosi_Alema_facemmo_cadere_co_0_0105295076.shtml
Barone Barolo
2013-11-23 10:35:33 UTC
Permalink
Post by edevils
Il tema è già allo scopertissimo e rischia di allontanare la gente dal
voto l'8 dicembre, perché se il segretario PD conta come due di coppe
che lo votiamo a fare?
Se il tema "nel PD comanda il presidente del consiglio o la base?" viene
posto in modo inequivocabile, il segretario *non può* contare come il
due di coppe.

Se le primarie vengono utilizzate correttamente, Letta d'ora in poi
dovrà comportarsi diversamente (e ci mancherebbe altro: il PD è di gran
lunga il maggiore partito di questa maggioranza)
Post by edevils
Post by Barone Barolo
E' chiaro poi che (formalmente) il PD e i suoi antecedenti non hanno
fatto cadere un governo dal 1996 a oggi, e non prevedo che la situazione
cambi.
Dunque non credi alla teoria che punta il dito su D'Alema per la caduta
del Prodi I.
Ci credo: è per quello che ho scritto "formalmente".

-- bb
edevils
2013-11-23 11:06:50 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Post by edevils
Il tema è già allo scopertissimo e rischia di allontanare la gente dal
voto l'8 dicembre, perché se il segretario PD conta come due di coppe
che lo votiamo a fare?
Se il tema "nel PD comanda il presidente del consiglio o la base?" viene
posto in modo inequivocabile, il segretario *non può* contare come il
due di coppe.
Se le primarie vengono utilizzate correttamente, Letta d'ora in poi
dovrà comportarsi diversamente (e ci mancherebbe altro: il PD è di gran
lunga il maggiore partito di questa maggioranza)
Però non è così semplice, perché un governo di larghe intese ovviamente
non è il governo che "piace alla base" (neanche a quella di Berlusconi,
penso), anzi la stessa idea dell'intesa con gli avversari storici non
piace alle rispettive basi, direi quasi per definzione!
Ciononostante, il governo è nato, nonostante le basi, per mancanza di
alternative di fronte a un risultato elettorale tripartito: una sorta di
intesa transitoria in attesa di una nuova legge elettorale. A quel punto
c'era da sperare che almeno realizzasse quegli obiettivi comuni (a
parole) che si era prefisso, dalla legge elettorale alla riforma
istituzionale, alla riforma dei soldi ai partiti e più generale
"moralizzazione della politica" per ricucire lo scollamento tra popolo e
rappresentanza politica, a una sferzata positiva all'economia
italiana... Tutte cose (mica semplici in realtà) che sono ancora in alto
mare.

Voglio dire che il problema non è tanto di far "comandare la base"
(tantopiù con un segretario del PD che non raggiunge la maggioranza
assoluta tra gli iscritti), ma capire fino a che punto la mission di
questo governo stia ancora in piedi, ed eventualmente capire come si
riesce ad andare oltre.
Post by Barone Barolo
Post by edevils
Post by Barone Barolo
E' chiaro poi che (formalmente) il PD e i suoi antecedenti non hanno
fatto cadere un governo dal 1996 a oggi, e non prevedo che la situazione
cambi.
Dunque non credi alla teoria che punta il dito su D'Alema per la caduta
del Prodi I.
Ci credo: è per quello che ho scritto "formalmente".
Giusto, me ne sono reso conto un millesimo di secondo dopo aver
cliccato su "Invia" :)

tonto
2013-11-22 06:54:54 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Quello è l'errore di 3 anni fa, caso mai.
No, nel senso che durante il congresso si è comportato in modo irritante
(#lodissi).
https://twitter.com/search?q=lodissi&s=hash
Mi sembra poca roba...
Chiedevo a te perchè io in questo periodo non ho molto modo di seguire ciò
che non passa nei vari telegiornali e devo dire che Civati lo vedo poco o
nulla.
Post by Barone Barolo
Molto meglio Mario Monti.
Quindi potreste finire ancora peggio e non è una battuta...
Il PdL non ci sta mettendo la faccia, voi sì.
Post by Barone Barolo
Comunque, come pensavo, qualcuno si è accorto che benché Enrico Letta dia
ordini al PD, il PD è ancora in fase congressuale: il momento migliore per
Letta sembra fare le prove generali di Grande Centro: non mi sorprenderebbe
vederlo suicidarsi insieme ad Alfano e Formigoni nell'ennesimo remake di
Frankiestein Senior.



--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
Barone Barolo
2013-11-22 07:34:21 UTC
Permalink
Post by tonto
https://twitter.com/search?q=lodissi&s=hash
Mi sembra poca roba...
Io me la sono presa in particolar modo per il cimitero di Trespiano, ma
come dicevo, di errori ne ha commessi molti altri.
Post by tonto
Chiedevo a te perchè io in questo periodo non ho molto modo di seguire ciò
che non passa nei vari telegiornali e devo dire che Civati lo vedo poco o
nulla.
Io sono in Francia e principalmente leggo i giornali.
Post by tonto
Post by Barone Barolo
Molto meglio Mario Monti.
Quindi potreste finire ancora peggio e non è una battuta...
E no che non lo è.
Post by tonto
Letta sembra fare le prove generali di Grande Centro: non mi sorprenderebbe
vederlo suicidarsi insieme ad Alfano e Formigoni nell'ennesimo remake di
Frankiestein Senior.
Magari non si arriverà a tanto, ma di certo il pd sta bruciando consensi
per non ottenere nulla.

-- bb
edevils
2013-11-22 09:11:16 UTC
Permalink
Il 22/11/2013 8.34, Barone Barolo ha scritto:
[...]
Post by Barone Barolo
Magari non si arriverà a tanto, ma di certo il pd sta bruciando consensi
per non ottenere nulla.
Mi starebbe anche bene perdere consensi pur di fare qualche solida
riforma da lasciare ai posteri, tipo Schröder (SPD) in Germania. Ma
perdere i consensi per questo governino incapace anche di scegliere il
nome per la tassa rifiuti...
tonto
2013-11-22 20:38:58 UTC
Permalink
Post by Barone Barolo
Io me la sono presa in particolar modo per il cimitero di Trespiano, ma
come dicevo, di errori ne ha commessi molti altri.
Ah, la storia del cimitero dei feti...
http://www.europaquotidiano.it/2013/10/31/renzi-attacca-civati-strumentalizza-il-dolore-di-altri-solo-per-livore-contro-di-me/
Una tempesta in un bicchier d'acqua: in fondo se lo stato estorce i soldi ai
fessi che giocano al lotto perchè un comune non dovrebbe affittare un pezzo
di terra a chi vuole seppellire un feto?
Son sempre soldi...
Post by Barone Barolo
Io sono in Francia e principalmente leggo i giornali.
Beato te!
Post by Barone Barolo
E no che non lo è.
Non era una battuta nemmeno quella sulla tangentopoli dell'expo prossimo
venturo.
Hai idea cosa può voler dire lasciare un evento del genere in mano ad un
governo come questo?
Post by Barone Barolo
Magari non si arriverà a tanto, ma di certo il pd sta bruciando consensi
per non ottenere nulla.
Non è solo una questione di consensi...
Un partito come quello che ha silurato Prodi non è solo imbarazzante per chi
ne fa parte ma è pericoloso per tutti.
E' un po' come quelle favelas dove nemmeno la polizia può entrare a vedere
cosa succede.
E' una terra di nessuno, una Tortuga, una mina vagante.
Come mettere una ciurma di pirati al timone di un paese alla deriva.
Imporgli una collocazione politica mi sembra veramente il minimo sindacale.



--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
Continua a leggere su narkive:
Loading...